ristrutturare il bagno milano
Studio Riva Nessun commento

La guida per ristrutturare il bagno di casa

 

Gli interventi di ristrutturazione sono indispensabili sia per contribuire alla manutenzione ordinaria della nostra casa, sia nel caso in cui si parli di una casa antica appena acquistata. Il bagno, fra tutti gli spazi della casa, è quello che necessita di maggior manutenzione e che, spesso, potrebbe risultare rovinato o demodè.

Ristrutturare il bagno: cosa bisogna fare

Prima di ristrutturare il bagno è necessario stabilire la tipologia di intervento che si ha intenzione di realizzare. Questa può essere completa, e rivoluzionare così l’intero bagno, oppure parziale. Generalmente le fasi di una ristrutturazione completa sono cinque. Si inizia con la rimozione completa della pavimentazione, delle piastrelle e del massetto. In seguito si procede con la realizzazione del nuovo impianto idraulico e elettrico, oppure la modifica di quello già esistente. Poi si passa alla ristrutturazione delle pareti e dell’intonaco, successivamente si prosegue con il posizionamento delle nuove piastrelle e sanitari. Infine si effettua la tinteggiatura.

 

Meglio una ristrutturazione completa o parziale?

La ristrutturazione deve tenere conto di molteplici fattori prima di essere effettuata, non solo riguardanti lo stile della nostra casa, ma anche gli aspetti igienici e sanitari: un bagno con infiltrazioni e muffe non può essere certamente un ambiente salubre.

Per quel che riguarda lo stile e la personalità del nostro bagno non ci resta che sbizzarrirci: anche un semplice cambio di piastrelle può mutare totalmente l’aspetto della sala da bagno. Una volta scelte le piastrelle, magari antiscivolo grazie ai nuovi materiali presenti sul mercato, sarà il caso di optare per dei sanitari che si abbinino perfettamente, siano questi moderni o classici.

Un altro elemento da tenere in considerazione per ristrutturare il bagno è la tipologia di sanitari da scegliere, questi sono disponibili infatti sia sospesi, sia posizionati a terra. La scelta deve essere comunicata anticipatamente, questo comporterà un differente posizionamento delle tubature e degli impianti idraulici.

ristrutturare il bagno milano lodi pavia bergamo

Agevolazioni e detrazioni fiscali per ristrutturare il bagno

Il principale vincolo per beneficiare delle detrazioni fiscali per ristrutturare il bagno è che questo deve far parte di un complesso abitativo e residenziale. Non beneficeranno delle agevolazioni, quindi, coloro i quali intendono effettuare la ristrutturazione di un bagno d’ufficio o in azienda. Per avere i requisiti necessari alle detrazioni non è possibile sostituire unicamente piastrelle e ritinteggiare, ma l’intervento deve comprendere anche la modifica degli impianti elettrici e idraulici o interventi strutturali.

Nel caso in cui vengano sostituiti anche i sanitari, unitamente agli impianti, e le piastrelle, insieme a un intervento strutturale, è possibile detrarre la spesa. Questi interventi infatti rientrano nella classificazione di manutenzione straordinaria, ma non se svolti singolarmente. Fra queste è inclusa anche la rimozione delle barriere architettoniche per un disabile. Inoltre, è possibile usufruire di un’ulteriore detrazione sui mobili e i complementi d’arredo adibiti alla stanza ristrutturata del 50%, per un tetto massimo di 10.000 euro. Non esitate a chiedere ulteriori informazioni durante il consulto con i nostri esperti.

 

 

Quanto costa ristrutturare il bagno?

Il costo per la ristrutturazione del bagno può variare molto a seconda della qualità dei materiali utilizzati e le spese che sono comprese all’interno della tariffa.

Il nostro studio offre una formula “chiavi in mano” che comprende: allestimento del cantiere (comprensivo di ottenimento dei permessi necessari), demolizione e smaltimento materiali, infissi, piastrelle e rivestimenti, impianto elettrico e idraulico con certificazione, sanitari, caldaia o scaldabagno, rubinetteria. Il tutto per 450 €/mq.

I materiali utilizzati sono di media qualità e tutti noti nel settore, solo in questo modo è possibile avere un buon rapporto qualità/prezzo e la certezza di avere un bagno in grado di durare nel tempo.

Quali permessi è necessario richiedere prima di effettuare la ristrutturazione del bagno?

I permessi necessari dipendono sempre dal tipo di intervento che si intende effettuare e dipendono molto dal comune di appartenenza. Spesso richiedere le autorizzazioni è una pratica molto laboriosa, per questo motivo, ce ne occupiamo personalmente. Ciò non comporta costi aggiuntivi, ma è già compreso nella tariffa “chiavi in mano” che noi adottiamo.

 

 

Contattaci per ulteriori informazioni >

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *